La conoscenza metafisica tra molteplicità e unità

la con metafisicAttraverso un’attenta ricognizione storiografica della disputa medioevale che vide il filosofo cristiano Tommaso d’Aquino a confronto con il filosofo musulmano Avicenna, questa monografia prende in esame la scienza che intende studiare “l’ente in quanto ente”, nel cui oggetto sono necessariamente implicate tanto la molteplicità (attestata dall’esperienza immediata, ossia dal senso comune), quanto l’unità (che l’intelletto coglie intuendo l’analogia di tutte le cose nell’essere). Viene così messa in evidenza la questione di fondo della metafisica, ossia  la necessaria scelta tra la moderna nozione razionalistica di “essere” che ignora la molteplicità (Spinoza) e la nozione classica di “ente”, che parte proprio dalla molteplicità delle sostanze  (Aristotele) per elaborare una dottrina realistica dell’essere (esse commune rerum) e dei trascendentali (unità, verità, bontà, bellezza), quale si trova appunto in Tommaso d’Aquino, nella cui sintesi si ritrovano – grazie anche al fecondo confronto con gli Arabi – elementi della metafisica di Platone, di Aristotele e dei neoplatonici.

Di seguito la presentazione del prof. Antonio Livi:

Read More

Lascia una Risposta

*